Salvare Silvio da Ruby? “Lo chiede l’Ocse”

Licia Satirico per il Simplicissimus

Sarebbe paradossale che il salvacondotto per il processo Ruby giungesse in dono a Berlusconi dalle sollecitazioni internazionali da lui così a lungo ignorate. Fatto sta che ora se ne sono ricordati tutti: Angelino Alfano, Paola Severino e persino Massimo D’Alema nel suo bicamerale, sfingeo distacco. L’uomo che non dice qualcosa di sinistra sostiene che “è l’Ocse che ce lo chiede”, più o meno in base allo stesso principio oscuro per cui è l’Europa che ci chiede sacrifici. Donatella Ferranti, capogruppo del Pd in Commissione Giustizia della Camera, afferma che i processi non saranno messi a rischio e che il dibattito sull’abrogazione della concussione sia nato prima del caso Ruby. Non si tratterebbe dell’ennesimo provvedimento ad personam, ma solo di un’oziosa coincidenza: un po’ come discutere se sia nato prima l’uovo o la gallina. Fonti vicine alla Guardasigilli rassicurano: la normativa sulla concussione starebbe attraversando “una fase di studio”, per verificare se possa essere assorbita, per un verso, dall’estorsione, e, per l’altro, da nuove fattispecie di corruzione per induzione e di abuso di funzioni. Non si tratterebbe quindi di una depenalizzazione, ma solo di un normale avvicendamento di leggi penali.

Sin dai remoti tempi del varo della Convenzione di Strasburgo contro la corruzione, ratificata in prima lettura dal Senato pochi giorni fa dopo tredici anni, l’Italia subisce in effetti le sollecitazioni dell’Ocse e del Greco: non stiamo parlando di un cittadino europeo a rischio di default, ma del gruppo del Consiglio d’Europa che vigila sulla corruzione. Il nostro ordinamento dovrebbe allungare i tempi di prescrizione (sforbiciati da Berlusconi nonostante la Convenzione di Strasburgo), prevedere le nuove fattispecie di traffico di influenze e di corruzione tra privati, punire con un reato autonomo il pubblico funzionario che si metta sul libro paga degli imprenditori e premiare, invece, il “pentito” che collabori alle indagini. L’abrogazione dell’attuale disciplina della concussione avrebbe però carattere eminente: pare che non se ne possa fare a meno. Il più grave dei delitti dei pubblici ufficiali contro la pubblica amministrazione sarebbe una sorta di superfetazione, ridondante per la sovrapposizione con l’estorsione e tuttavia incapace di disciplinare efficacemente i casi di mazzette “ambientali”.

Questo è uno strano periodo storico: ci sono politici che preferiscono passare per fessi discettando su case acquistate da ignoti filantropi e pelose cozze colpose. Ce ne sono altri che invece pensano che i fessi siamo noi, pronti dopo vent’anni di berlusconismo a credere alle coincidenze o agli improvvisi scrupoli di un Paese in cui la corruzione dilaga come non mai. I tecnici, diversi dai politici, danno veste giuridica all’impostura.
Un premier che, qualificandosi tale, telefoni in questura perché una minorenne fermata per furto venga affidata irritualmente alle cure di una consigliera regionale onde evitare incidenti diplomatici con zii apocrifi commette una concussione per induzione mediante abuso della qualità, oggi prevista dall’articolo 317 del codice penale. Questa specifica condotta non rientra, a rigore, in alcuna delle norme che dovrebbero sostituire l’attuale concussione: non è estorsione perché la sollecitazione non è minaccia, non è corruzione perché il questore ha subito la pressione di Berlusconi senza ricavarne alcun vantaggio. Ma non è nemmeno abuso di funzioni, perché l’ex premier si è limitato a strumentalizzare il suo status per fare una richiesta indebita. La rimodulazione della concussione ritaglierebbe quindi uno spazio di impunità creato su misura per il processo Ruby, che rischia di arenarsi perché il fatto, per una legge posteriore, non costituisce più reato.

Che sia intenzione o mera coincidenza poco conta: in questo momento ritoccare la concussione è una manovra assolutamente inopportuna, e pazienza se – come ricorda D’Alema – ce lo chiede l’Ocse. Del resto, ce lo chiede da tredici anni e finora non ci è importato assolutamente nulla. L’Ocse ci chiede da anni tante cose, senza costrutto: chiede all’Italia di investire nella cultura, nell’istruzione, nella ricerca, nella bellezza.
Ripensare l’etica pubblica perché lo chiede il Paese e non l’Ocse sarebbe una prospettiva intrigante. Ridisegnare limpidamente il sistema penale, abbandonando per sempre la tentazione delle leggi ad personam sarebbe una sfida accattivante, politica e tecnica: sarebbe un modo per rendere più bello questo luogo, accontentando anche l’Ocse. Camus scriveva che la bellezza non fa le rivoluzioni, ma viene il giorno in cui le rivoluzioni hanno bisogno di lei. Abbiamo bisogno di bellezza. E pure della concussione, ancora per molto tempo.

About these ads

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

10 responses to “Salvare Silvio da Ruby? “Lo chiede l’Ocse”

  • cordialdo

    Per adesso si solo che l’aiuto gli viene dato in Commissione giustizia dai parlamentari del Pd di Bersani che hanno presentato l’emendamento. E’ da una settimana almeno che l’ho scritto nel mio blog!!!

    Mi piace

  • max9000

    CHI SBAGLIA PAGA…….E PIU’ IL REATO E’ GRAVE PAGA DI PIU’.

    Mi piace

  • gandhi

    l’ocse ce lo chiede…l’UE e la BCE ce lo chiedono…ma quand’è che in unna Repubblica democratica fondata sul lavoro inizieranno a dar retta ai cittadini ????????

    Mi piace

  • gandhi

    l’ocse ce lo chiede…l’UE e la BCE ce lo chiedono…ma quand’è che in unna Repubblica democratica fondata sul lavoro inizieranno a dar retta ai cittadini-LAVORATORI ????????

    Mi piace

  • Anonimo

    Cittadini-lavoratori? A questa gente i cittadini non vanno giù, preferiscono i sudditi tifosi. Lavoratori? Men che meno: l’attuale governo ogni tanto dimentica di tenere su la maschera e alcuni dei suoi componenti si lasciano scappare di bocca il totale disprezzo che provano per chiunque abbia mai lavorato anche un solo giorno in vita sua. I Martone, Fornero, Passera, Monti stesso, si comportano in maniera per nulla diversa dai nobilastri da strapazzo di qualche baronia di nessuna importanza. Disgustati dai plebei (che li mantengono) e dotati di una spocchia e una presunzione che nemmeno il kaiser.
    E anche loro, quando il kaiser ordina, corrono a gettarsi in ginocchio e cantarne untuosamente le lodi… a spese del popolo.
    A quando le torce e i forconi?

    Mi piace

  • Andrea

    Alle richieste si può anche dire di no. ;)
    A me poi non ha chiesto niente nessuno.. Come fu per le altre leggi ad personam, come fu per la dittatura che abbiamo ora, come fu per le leggi sui rimborsi elettorali, come fu per tutto quel che hanno fatto… Non chiedono mai all’Italia come sarebbe meglio gestire l’Italia, pare che tutto il mondo sa come governarci tranne noi.

    Non c’è da girarci intorno o essere sottili. Stanno mentendo spudoratamente sapendo di mentire e sapendo che più che lamentarsi il popolo non può fare… Il terrorismo non c’è mai quando serve. Voglio vedere che dicono se una bomba cade su montecitorio quando in massa si trovano li dentro per votare le loro leggi ad personam (perché solo quando devono salvarsi il culo fanno un minimo di lavoro nell’andarci..).

    Un consiglio: non guardate più la televisione.. I film guardateli in streaming o su sky… La TV, dopo qualche mese che smisi di guardarla e riguardai qualche minuto, mi è sembrata per quel che è… Gente spinta dai soldi per fare più ascolti possibili. Non importa il modo a loro… La TV rende passivi…

    Mi piace

  • tonino

    che cazzo c’entra lo sviluppo economico col salvare il nano di arcore dall’accusa di concussione??????????

    Mi piace

  • Stella Alfredo

    Non pensano che siamo fessi,ci trattano da fessi(quindi lo siamo,almeno x loro) e se dopo 13 anni si accorgono che si deve fare una certa cosa(non lo è!ma anche se fosse pura coincidenza aspettiamo ancora qualche anno x fare quanto ci chiede l’Ocse) che volete che pensino dei cittadini normali(e non proprietari di Tv,Giornali, ecc…ecc…) tanto questi si bevono tutto diamogli anche questa balla da ingoiare!com dice Andrea non guardate la Rai(l’unica rete obbiettiva è Rai News 24) e tanto meno Mediaset(sara un po difficile x delle vecchiette o x queli che vorrebbero emulare Berlusconi(anche negli strati + poveri della società),io guardo molto Sky e mi ritengo meno influenzato negativamente, x quanto riguarda questo governo:ricordiamoci che è stato messo lì da Ber.ni e soci con l’avvallo di Napolitano ,che ha pensato di salvare il salvabile,dopo il degrado(economico e morale) in cui ci aveva portato il miglior statista degli ultimi 150 anni(di galera dovrebbero dargli).

    Mi piace

  • Stella Alfredo

    E cmq questo governo è di dx,fatto da banchieri e manager burocrati.

    Mi piace

  • paolo de vita

    Non è vero che l’Ocse chiede di eliminare la concussione. L’Ocse domanda di eliminare la non punibilità del concusso; quindi vuole che si punisca anche il concusso, oltre al concussore.

    Mi piace

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.790 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: