Figli e figliastri per dividere i lavoratori

Rosella Roselli per il Simplicissimus

Come mi aspettavo la trattativa sul lavoro che volge al termine sta già facendo le sue prime vittime. Grazie soprattutto alla tempestiva – almeno quanto il rialzo dello spread – precisazione del Governo che ieri sera ci ha informato durante la prima serata dello show Porta a porta – ormai anche tecnicamente riconosciuto come Terza Camera-, che gli statali saranno esclusi dalla nuova normativa che sopprime l’art. 18.

Sono passate soltanto poche ore e il vero nemico è stato finalmente individuato. Di nuovo il travet – il fannullone, il parassita, colui che ha portato l’Italia alla rovina -, che è stato risparmiato perfino dai nostri tecnici inflessibili e lasciato seduto alla propria scrivania con un occhio a Facebook e l’altro alle parole incrociate, nella sua inutilità iconografica.

No, non sono stupita della piega che nell’opinione pubblica sta prendendo la discussione sui diritti del lavoro né sulla scelta del nemico. La pubblica amministrazione è stata per anni l’unico vero ammortizzatore sociale, incubatore di voti clientelari, ricettacolo di assenteisti e non finirà forse mai di scontare questo peccato originale, per quanto da molto tempo i concorsi siano bloccati, siano stati introdotti nuovi criteri di valutazione e controllo, penalizzati economicamente i periodi di malattia, bloccati gli stipendi per quattro anni (siamo all’inizio del terzo), aumentata l’età pensionabile, posticipata la liquidazione e altre sciocchezzuole.

Si rispolverano per l’occasione vecchi luoghi comuni, i doppi lavori, le spese in orari di servizio, le false malattie, e bla bla bla, dimenticando che le  vere inefficienze andrebbero attribuite soprattutto a un sistema politico non ancora pago di giustificare l’esistenza nel mondo di una classe dirigente incapace e spesso corrotta. Sono argomenti che però tornano sempre molto utili nei casi di trattative difficili o sanguinarie come questa che finirà per lasciare sul campo più cadaveri di una guerra o di una epidemia.

Mi chiedo allora perché si è voluto tanto rimarcare questa discriminazione al contrario, dedicata proprio a quei lavoratori dai quali, a mani basse, si è potuto attingere ogni volta che si sia avuto bisogno di ripianare debiti, pareggiare bilanci e obbedire a diktat europei, unico riconoscimento all’importanza del loro contributo a sostegno dell’economia nazionale.

Mi domando a chi giova questa ulteriore divisione tra figli e figliastri, se non a un Governo che dalla divisione tra lavoratori può trarre la sua forza maggiore, alimentandone e incrudelendone le differenze e le aspettative, provocando inutili scontri che distoglieranno l’attenzione dal devastante proposito di rendere TUTTI i lavoratori prima ricattabili e infine licenziabili, senza nessuna garanzia che questo “dinamismo lavorativo” scuota una economia ormai quasi immobile o possa favorire l’occupazione di giovani e precari. Non cadiamo in questa trappola, il nemico è un altro. Difendiamo i diritti dei lavoratori, tutti, e facciamolo insieme. Tutti.

About these ads

Informazioni su ilsimplicissimus

Chi ha un perché per vivere, può sopportare tutti i come. Vedi tutti gli articoli di ilsimplicissimus

4 responses to “Figli e figliastri per dividere i lavoratori

  • cordialdo

    Divide et impera!

    Mi piace

  • Giuseppe Di Loreto

    Cos’altro aggiungere,se non sconfinare un un “ributtante”turpiloquio contro sti maledetti sciacalli sociali.Si, perche siamo di fronte ad un massacro sociale e ad un saccheggio sull’intera ed ormai vastissima area del proletariato italiano

    Mi piace

  • gandhi

    il discrimine fra lavoratori pubblici e privati È IL CLASSICO SPECCHIETTO PER LE ALLODOLE O MEGLIO…PER GLI ALLOCCHI !
    SEMPLICEMENTE L’ART. 18 NON VA PER NULLA MODIFICATO !

    NON C’È ALCUNA MISTIFICAZIONE POLITICANTE CHE TENGA A RIGUARDO !!

    Mi piace

  • max9000

    CERTAMENTE LA STRADA INTRAPRESA DAL GOVERNO MONTI PORTERA’ LA DISGREGAZIONE DELLE CLASSI SOCIALI E’ AUMEN
    TERA’ IL DIVARIO.COLPIRA’ SEMPRE DI PIU’ GLI OPERAI E LI IMPOVERIRA’ SEMPRE PIU’ .TEMPI BUI….

    Mi piace

Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.803 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: