Archivi tag: Parlamento

“C’è grossa delinquenza”

berlusconifedeIeri il presidente Napolitano ha come di consueto ammonito vibrantemente sul grave danno che recherebbe al  prestigio e alla credibilità dell’istituzione parlamentare il prodursi di una paralisi decisionale su un processo di riforma essenziale, quella del Senato. Ma sulla dignità e sull’autorevolezza di questo Parlamento ancora ieri abbiamo dovuto apprendere nuove se non sorprendenti rivelazioni, grazie alle indiscrezioni di quello che una volta era il sottobosco politico e ora si compone di personal trainer, igienisti dentali, forse pedicure, certamente parrucchieri con particolare inclinazione per le tinture color melanzana. Dobbiamo al palestrato personale di Emilio Fede conoscere la tempra morale di Dell’Utri, fondatore di Forza Italia, mafioso e ricattatore, e del fratello, definito “mafiosone”.

È questo il Parlamento che si appresta a cambiare la Costituzione per garantirsi la sopravvivenza, secondo logiche che attengono più alle organizzazioni di mafia che alle regole della rappresentanza. Ed è per questo che il titolo di onorevole, mai così immeritato, scatena gli appetiti di aspiranti pronti ad aprire il libretto degli assegni o a garantire una fedeltà assoluta in cambio di una cadrega.

Questi cerchi magici di tutti i livelli che gravitano attorno a leadership compromesse, sono ormai palesemente la palla al piede o se volete la “scarpa di cemento” che sta portando a fondo il Paese. E purtroppo la moderna maschera di Razzi che fuori onda dice all’intervistatore “senti a me, fatti furbo, qui è tutta una delinquenza”, si rivela l’analisi sociologica più appropriata.

Nel’ultimo caso in ordine di tempo le confidenze di Fede al masseur di fiducia riportano i giudizi morali di quel Samorì taglieggiato per 10 milioni da Dell’Utri, quello che prelevava i pensionati con la promessa di una gita e una volta arrivati in mete sperdute, insieme alle tradizionali pentole, gli appioppava il suo messaggio elettorale.

Ma anche al di fuori delle confidenze di palestra e centro estetico, cosa dire della fuga in Inghilterra di Boroli da 35 anni uno dei più fidi scudieri e soci di Berlusconi, favorito grazie a questo nell’accumulazione dei capitali e che ora cerca nei paradisi fiscali che incredibilmente si sono formati in questa Europa di limare sulle tasse, esattamente come fa la Fiat?

La verità è che i flash inquietanti e al tempo stesso esilaranti che ogni tanto illuminano le viscere del sistema politico, hanno permeato l’intera società, creando modelli e attitudini, complicità e silenzi, ipocrisie e conformismi, che poi tornano all’origine, secondo uno schema di feed back sotto l’aspetto di riforme, diktat, candidature prestigiose, giochi di potere di ogni tipo, moniti dal meraviglioso mondo dell’Alzheimer.

Eh si, c’è grossa crisi, come diceva una volta quel personaggio di Guzzanti. Anzi c’è grossa delinquenza.

 

 


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 5.025 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: