Archivi tag: Pd

Il Pd punta su Salvini: costruzione di un nemico da bar

foto_salvini_nudo_645Qualcuno potrebbe meravigliarsi del fatto che l’insieme dei media di provata e intemerata fede governativa proponga ormai una o due volte al giorno un intervista a Salvini che dovrebbe essere l’opposizione. E per evitare che l’uomo della strada si perda, per colpevole distrazione, i grandi piani del leader leghista lasciati sempre nella tasca di un’altra giacca, vengono persino mostrate nelle sindoni patinate a stampa, le trippe desnude del medesimo. Qualcuno potrebbe perfino prenderla come una dimostrazione di libertà, ma in effetti non è altro che una tecnica di mercato: quella di presentare un prodotto alternativo di infima qualità per far passare in secondo piano i difetti e la vacuità  di quello principale, cioè di Renzi e della sua compagnia.

In questo senso Salvini funge da detergente universale, quello che lava i piatti e il bidè con egual risultato: da una parte si è tenuto la xenofobia di origine e va benissimo per spostare l’agitazione sociale che si va coagulando su quello della sicurezza; dall’altro avendo acquisito – sia pure in modo rozzo e triviale – l’ostilità al disegno europeo e alla moneta unica, impedisce che su questi temi si sviluppi una discussione seria o che si coaguli a sinistra un’opinione diversa rispetto a quella tradizionale. Insomma siamo di fronte a un  caso di scuola: la creazione di un avversario debole e poco credibile per favorire lo statu quo ante.

Non democrazia, ma puro mercato. Un investimento senza rischi perché Salvini non ha alcuna probabilità di vincere, anche se vincesse non è portatore di veri progetti, ma di un modesto e casalingo rosario di pregiudizi iperliberisti di cui la flex tax  e le sue conseguenze non sono che un esempio. Non è una contraddizione il fatto che condivida gli obiettivi dei grandi sponsor finanziari e reazionari dell’ Europa e dell’euro: è solo un caso di straordinaria inconsistenza politica.

Già negli anni ’80 le corporation americane scoprirono che per relegare la politica a un ruolo subalterno era necessario controllare sia la maggioranza che l’opposizione, modulandole opportunamente. Cosa che è avvenuta in misura sempre maggiore grazie ai Pacs, non solo attraverso le contribuzioni elettorali, ma anche attraverso la scelta dei candidati, favorendo in un campo o nell’altro quelli più opportuni. Talvolta per difetto, secondo uno dei metodi della pubblicità comparativa. Tutto questo è enormemente favorito dai sistemi maggioritari, ma ciò che qui ci interessa direttamente è che Renzi si appresta  a sventolare il sedicente pericolo Lega per cercare di portarsi dietro dei voti, di trovare un nuovo argomento che costringa il popolo piddino ad andare alle urne turandosi non solo il naso, ma tutti gli orifizi disponibili. Non è un caso che la tracimazione mediatica di Salvini sia cominciata dopo l’assentesimo record in Emilia, nonostante il fatto che la Lega stessa abbia perso più di 50 mila voti rispetto alle regionali precedenti. Adesso dopo l’esplosione del nuovo scandalo romano che mette in grande imbarazzo il Pd e sfiora da vicino il governo, Salvini, il politicante della balera a fianco, diventa indispensabile come nemico da costruire.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.885 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: