Archivi tag: Politica

Aspettando l’armageddon

armageddonDevo chiedere scusa ai lettori di questo blog se sento la necessità sempre più forte di parlare dei fondamentali smarriti, anche trattando delle tristi cronache siano esse politiche o giudiziarie, dando l’impressione di una certa astrattezza. Ma non voglio rimanere impigliato nel chiasso, nel rumore di fondo, nei twitter dei neo politici realissimi quanto a potere, virtuali quanto alle azioni e inesistenti quanto alle idee, insomma nella strategia della disinformazione e dell’inganno, dei silenzi e delle chiacchiere che appunto servono a far guardare da un’altra parte, a non far capire la direzione nella quale si sta andando.

La situazione in cui stiamo entrando somiglia molto a quella scena del Giro del mondo in 80 giorni in cui Phileas Fogg, esaurito il carbone cannibalizza la nave in legno per tenere le caldaie in pressione e continuare la navigazione. Solo che manca l’ happy end perché ciò che viene bruciato in questo caso sono le tutele delle persone, dell’ambiente, del lavoro, del salario dignitoso e della stessa democrazia per “ridurre i costi delle imprese”: una via senza uscita perché ad ogni riduzione di costi così ottenuta corrisponde a una diminuzione della domanda aggregata e la nave fa un gran fracasso, ma arretra invece di andare avanti . E’ fin troppo evidente che le tesi e le pratiche neo liberiste stanno spiaggiandosi di fronte alla realtà: la visione medioevale e oligarchica della società che è stata tradotta e ingannevolmente divulgata sotto forma di tesi economiche sta lentamente gettando la maschera di fronte alle continue smentite che le vengono dalla vita reale e dunque tende sempre di più a mostrarsi per ciò che è, un modello politico reazionario, reso ancor più necessario agli occhi dei potenti sia dalle nuove situazioni geopolitiche, sia dall’armageddon che attende al varco il capitalismo finanziario e che potrebbe sovvertire le narrazioni e le oligarchie imposte con tanto successo. Così accade che alcune stimate ( è ironico, s’intende) organizzazioni internazionali come l’Fmi, siano entrate in una apparente crisi schizofrenica, imponendo ricette che i loro stessi staff economici considerano errate.

Su questo il vertice del G20 australiano è stato fin troppo esplicito e fin troppo coperto da una coltre di silenzio da parte dei media. Il premier inglese Cameron non ha nascosto di temere una nuova e ancora più dura crisi generalizzata e per tutta risposta ha detto di voler “rottamare la burocrazia” ( le parole d’ordine sono sempre le stesse) che nella espressione inglese significa nuove deregolamentazioni, ulteriori tagli al welfare e diminuzione della spesa pubblica, dimostrando come le elite politiche occidentali non siano più in grado di elaborare idee e si limitano per carenza intellettuale e per subalternità a ripetere gli errori, a ripercorrere sempre la stessa strada nonostante esse abbiano portato al disastro. Così in vista dell’ostacolo invece di rallentare e sterzare, premono sull’acceleratore.

Una dimostrazione viene dall’affanno e dalla segretezza con cui le elite europee stanno cercando di far passare il Trattato Transatlantico che viene presentato come un’ancora di salvezza, mentre il documento economico in assoluto più ottimista, quello del Cepr (Centre for Economic policy reserach) , parla di vantaggi  tanto straordinari da tradursi in un aumento dello 0,43% del Pil nel corso di 13 anni e questo senza nemmeno affrontare il discorso degli svantaggi destinati a colpire le piccole produzioni europee e in particolare quelle italiane. Significa svendersi non per un piatto di lenticchie, ma per una lenticchia sola e per di più anche cruda con il pericolo di strozzarsi. Ma si deve premere sull’acceleratore per un trattato che in realtà serve alle multinazionali finanziarie e di ogni altro tipo per sovrapporsi alle legislazioni nazionali e alle Costituzioni per completare l’opera di smantellamento dello stato sociale e della cittadinanza democratica già iniziata dalla politica complice. Per difendersi dalle reazioni sociali nella fortezza del fatto compiuto. E che sia così lo dimostra lo stesso Cameron che si è rifiutato di consegnare al governo scozzese quando quest’ultimo ha chiesto “garanzie inequivocabili” sul fatto che il servizio sanitario non sarebbe stato travolto e distrutto dal Ttip. Giusto silenzio, visto che il mandato negoziale della Ue non contempla alcuna sottrazione dei servizi pubblici alle logiche privatistiche del trattato

Certo bisogna fare abbastanza in fretta perché l’atmosfera di attesa del peggio ha pervaso tutto il vertice di Brisbane, il quale è iniziato con i dati sotto la cattiva stella dei dati di settembre che parlano di un debito globale salito al  212% del pil mondiale mentre nel 2008 era del 178%, di una zona euro è di nuovo in profondissima crisi, di una locomotiva cinese, che sembra nelle stesse condizioni in cui erano gli Usa nel 2007 con un aumento dei prestiti bancari del 40% in sei anni, ma con una diminuzione del 60% della capacità di far loro fronte. Ciò nonostante tutta la comunicazione ufficiale del summit è stata vacua ed edulcorata: che il pubblico non sappia. E che creda nelle meravigliose capacità di autoregolazione del mercato che è poi il comandamento base del catechismo liberista. Il nucleo della sua santa messa.

Così possiamo davvero meravigliarci del fatto che un’azienda assassina, che continua ad assassinare, alla fine in un modo o nell’altro risulti colpevole, ma non punibile, mentre i pinocchietti dei partiti, già in campagna elettorale, annunciano (sempre dopo, naturalmente) una modifica del regime di prescrizioni in attesa che il clamore si dissolva e gli annunci vadano a farsi benedire? E’ davvero strano che il premier voglia depenalizzare ancor di più l’evasione e le false fatturazioni? O che voglia vendere come provvedimento per il lavoro qualcosa che umilia il lavoro? Tutto questo è perfettamente coerente con le politiche messe in atto nell’ultimo decennio con o senza i diktat della troika, è in linea con la lieta novella del trattato transatlantico che ribalta il contratto sociale facendolo diventare privato, è in armonia con la società della diseguaglianza.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.867 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: