Archivi tag: Politica

La favola crudele della crescita

tentacoli finanziariSi, ci illudono con questa parola, ripetuta come nei campi di rieducazione di Pol Pot, la mischiano come una droga ad ogni non senso, rubano salari e diritti promettendo questa chimera come quei truffatori che sottraggono risparmi agli anziani promettendo illimitate fortune. E in realtà siamo davvero pensionati inermi da quando abbiamo ceduto il nostro piatto lenticchie di riflessione e idee ai dietologi del pensiero unico, perché – ci hanno detto – le lenticchie fanno gonfiare la pancia e diminuiscono il nostro appeal ombelicale. Perché bisogna superare le ideologie e tutte le altre cazzate di contorno.

Così anche se non ci beviamo fino il fondo il bifidus della politica politicante, quella sacra per le mezze tacche di pianura, di montagna o di colle, non possiamo che aggrapparci alla crescita, alla speranza che il truffatore abbia davvero un immenso patrimonio da passarci, mentre attrversiamo un desertto sempre più spoglio. Il fatto è che dopo aver ceduto le nostre lenticchie, la nostra primogenitura di cittadinanza e di democrazia, non capiamo che il politico o il noto informatore, sono a loro volta ingannati, che il loro cinismo deriva dalla loro nullità. Che la crescita non soltanto è irraggiungibile in un paradigma volto a creare la caduta di domanda aggregata e con essa la stessa esistenza del “pubblico”, dello stato e delle regole, ma che essa non è più l’obiettivo di un’economia che ormai ha fatto della speculazione finanziaria il proprio core business. Secondo gli ultimi dati della banca mondiale il capitale speculativo ammonta a 14 mila miliardi dollari, una gigantesca massa di denaro che come un fluido velenoso fa il giro del mondo più volte al giorno, impone politiche, spezza stati, riduce in povertà e all’occorrenza suscita le guerre quando incontra una qualche resistenza oppure pensa di spezzarle attraverso il caos. 14 mila miliardi dollari sono il 90 per cento del capitale disponibile (senza pensare alla massa ben più grande delle scommesse inesigibili o che si riferiscono a un futuro a lungo termine, già consumato nella macchina infernale) mentre solo il 10 per cento è capitale di investimento produttivo.

Ora è facile capire che i detentori di questa ricchezza sterile e parassita vedono nella crescita un pericolo, anzi un doppio pericolo. Il primo è legato alle dinamiche economiche perché la crescita significa inflazione e dunque una diminuzione del valore del denaro. Il secondo è legato agli assetti politici perché una ripresa vera e non puramente statistica che ingloba appunto la speculazione) dell’economia reale ridà ossigeno  agli stati, rendendoli meno soggetti al ricatto finanziario,favorisce  la rinascita della politica di bilancio e dunque anche delle concezioni e delle articolazioni politiche al di fuori della delirante narrazione nella quale siamo immersi.

Quando si promette la crescita facendola derivare dalle ricette imposte dall’economia finanziaria non si dice solo una bugia, non si vende solo una bolla di sapone, ma si rifila una cosa impossibile e contraddittoria. Chi comanda in realtà è quel 90% di capitale che del resto non nasconde le sue intenzioni e il suo potere, certo -per esempio – che qualsiasi scelta elettorale, a meno che non sia di rottura radicale, finirà per essere riassorbita dalla necessità e dai ricatti. Tanto che le ex democrazie sono ormai governate da partitoni unici di fatto ,separati al loro interno soltanto da temi marginali quando non da interessi opachi. E da finanziatori dietro le quinte, altro effetto perverso dell’anti castismo domenicale che accresce il potere della casta. A me viene da ridere quando nell’ambito della campagna per Draghi presidente, che già si intuisce come scelta della razza padrona, si narra di un governatore della Bce che non può fare ciò che vorrebbe, stoppato dalla perfida Merkel. Draghi non può uscire dalla strada deflattiva col solo strumento monetario chiamato euro, me soprattutto non vuole farlo perché la mancanza di crescita non solo aumenta il valore della speculazione finanziaria aggregata, ma contribuisce a far affluire ancora più risorse e a dare dunque ancora più potere alla nuova fase capitalistica.

Il risultato di tutto questo lo si può vedere nella tabella fianco dove viene p1indicato dove sia andata a finire la crescita di ricchezza negli ultimi 60 anni: sempre meno al 90% della popolazione, sempre di più al 10% più ricco, in un rapporto che ha avuto una impressionante accelerazione nell’ultimo periodo. I numeri si riferiscono agli Usa, ma la curva tendenziale è valida per tutto l’occidente creando un effetto paradosso di cui naturalmente i media orientati approfittano: la disuguaglianza cresce enormemente all’interno dei Paesi occidentali mentre a causa della crescita stratosferica dell’Asia e degli altri Brics, diminuisce globalmente tra Paesi.  Così si butta ancora più fumo negli occhi delle vittime, cosa di cui c’è estremo bisogno visto che la sempre maggiore subalternità della politica, ha creato elite di livello ornai indecoroso.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 7.881 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: