Archivi categoria: Anna Lombroso

Figli, figliastri e politicastri

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Mi sbagliavo, avevo sperato di non dover più scrivere a proposito delle unioni di fatto, mi ero illusa, ingenuamente, che passasse un provvedimento che rappresenta il minimo garantito per sanare situazioni che ci relegano agli ultimi posti nelle graduatorie di civiltà, denunciate da organismi internazionali che nulla hanno a che fare con l’empia Unione monetaria, lesive di principi costituzionali, se la Costituzione tirata da una parte all’altra come una pelle di zigrino, in attesa di finire a pulire parabrezza, non parla mai di matrimonio e famiglia come dell’unione tra persone obbligatoriamente di sesso diverso, ma di un vincolo fondato su amore, affetto e solidarietà e che in ragione di ciò assume significato e respiro sociale.

Mi ero ingannata pensando che una formazione non strutturata, che, anche a motivo di questo, aveva meno a cuore ragione di stato e soprattutto il legame evidentemente inscindibile tra ragion di politica e ragion di chiesa, non decidesse per l’abiura, per la slealtà rispetto al proprio mandato, dando  la cosiddetta rituale libertà di coscienza su un tema eticamente sensibili, come si è soliti ormai chiamare quei territori esposti a scorrerie confessionali e intrisi di una morale clericale che sconfina in interpretazioni di parte di biologia, scienze naturali, piscologica da posta dell’esperto. E come se non fossero altrettanto “sensibili”  lavoro, istruzione, immigrazione,  beni comuni e ambiente, informazione e censura.

Mi ero ingannata ritenendo che certe acrobazie avessero fatto il loro tempo, che finalmente si guardasse come a un folklore condannabile ma poco offensivo alle sentinelle in piedi o carponi, dimenticando quanto certi arnesi associati e organizzati abbiano incrementato l’obiezione di coscienza, quanto la loro azione minacci ancora il diritto più amaro che ci siamo conquistate, quello a non abortire in clandestinità a e a rischio della vita, facendo di una scelta dolorosa un reato. Eppure avrei dovuto apprendere la lezione, perché gli equilibrismi di oggi a proposito dell’inevitabile passaggio obbligato da “adozioni del figliastro” alla legalizzazione dell’utero in affitto, sono appunto volteggi strumentali, gli stessi che profetizzavano che il divorzio avrebbe sotterrato l’istituto familiare, che l’aborto si sarebbe diffuso come una pratica generalizzata in attesa dell’autorizzazione all’infanticidio delle figlie di troppo come in Cina, che la libertà di vivere le proprie inclinazioni amorose e sessuali conducesse inevitabilmente alla legittimazione di accoppiamenti perversi – come mi è capitato di leggere proprio oggi in qualche delirante commento nei social network,  o inesorabilmente alla pedofilia, peraltro molto praticata in sedi che dovrebbero custodire i più elevati valori morali e che sono autorizzate a non ubbidire alle leggi degli uomini. Per non dire del consumo di droghe leggere altrove annoverate tra provvidenziali preparati antidolorifici, additato come implacabile anticamera di   tossicodipendenze e di carriere di spacciatori.

Eppure l’adozione dei figli del compagno o compagna è legale in Italia da anni così come invece l’utero in affitto è un reato e non sembra che questo abbia dato luogo a commerci nazionali estesi, a un racket delle inseminazioni e dei riconoscimenti farlocchi.

Anche questo fa parte del repertorio e delle sfilate della nuova tendenza autunno- inverno – molto di moda tra neo bakuniani, sorprendenti fan di Proudhon, lettori entusiasti di pensatori che trattano Marx come Moccia tratta l’amore, e che continuano a trattare spericolatamente l’argomento accusando chi sostiene l’inalienabile  indivisibilità dei diritti, senza graduatorie e senza garanzie, di battersi in favore di optional, di garanzie e prerogative  marginali, minoritarie cui si può ragionevolmente rinunciare in presenza di bisogni prioritari, di istanze pregiudiziali e irrinunciabili.

Anzi, sono proprio loro con l’entusiasmo dei neofiti dell’egualitarismo, a ribadire in continuazione che matrimoni e adozioni omosessuali sono “richieste da ricchi”, assimilabili a capricci, bizze e desideri da un ceto viziato che vuole troppo. Come se chi è ricco non fosse già in grado, omosessuale o no, di regalarsi i viaggi del turismo della procreazione, come se chi è ricco avesse bisogno di un provvedimento governativo per assistere chi ama in una clinica di lusso, generalmente molto liberale per quanto riguarda privacy e tolleranza di costumi anticonformisti. Come se chi è ricco si preoccupasse di poter assicurare i benefici dell’assistenza sanitaria al partner, “privilegio” che si sono aggiudicati ad esempio i parlamentari. Come se chi è ricco si dovesse preoccupare di reversibilità della pensione, che come è noto è l’estensione a un coniuge più debole e meno garantito, del proprio salario differito.

Come se non fossimo abituati al fatto che i ricchi non hanno bisogno di leggi per coronare i loro desideri. Oppure che le leggi se le fanno ad hoc, ad personam, a capriccio, grazie  alla mobilitazione dei nuovi sacerdoti della giurisprudenza, quel ceto costituito da giuristi e avvocati, dai grandi studi internazionali che  predispongono principi, valori e  regole del diritto globale su incarico delle multinazionali, in grado di  trasformare una mediazione tecnica in una procedura sacralizzata, facendo del diritto  e della giustizia una merce e consolidando, loro sì, il commercio dei corpi e  delle vite, delle convinzioni, delle scelte e dei diritti fondamentali.

Davvero a volte fanno più una vignetta o una battuta di qualsiasi editoriale, manifesto, invettiva. E per ricordare che i diritti chiesti e conquistati da qualcuno non sottraggono niente a chi li ha già, vien buona la frase di un sito di satira nel web: non si capisce perché non volete il matrimonio tra gay, mica dovete far loro il regalo.


Annunciazione, annunciazione

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Ha fatto proprio bene il premier, ancorché lontano dal suolo patrio, a inviare una corbeille di fiori riparatrice alla trepida mammina che aveva tempestivamente scoperto di essere incinta, dando un’occhiata al calendario del salumiere appeso in cucina, come un’ingenua adolescente improvvida, proprio, ma è solo una felice coincidenza, il giorno del Familiy Day.

Ha fatto proprio bene e chi meriterebbe più di lei anche qualche aggiustamento altrettanto risarcitorio al Ddl Cirinnà, lei che è stata oggetto di una infame campagna di violenza verbale proprio nel momento nel quale è più dolcemente vulnerabile? Lei, esperta di nascite e rinascite, quelle della destra, autoritaria, xenofoba e razzista, cui non manca mai con la triade di Gianni e Pinotto (Giovanardi e Gasparri) e  del profeta delle ruspe, lei che ama tutti i focolari, purché secondo natura: maschio, sia pure turista sessuale, sia pure manesco, femmina e prole, magari adornati del presepe coi marò, lei che ama tutti i giovani – dei quali si sente parte e è stata “ministra” rappresentativa nel governo del puttaniere, quello delle cene eleganti alle quali avrebbe potuto presenziare mascherata da piccola italiana – slavo naturalmente quelli che vengono qui in cerca di fortuna, lavoro e futuro, che lei ha contribuito a vario titolo a negare prima ancora agli indigeni. Lei che ama tutti i bambini purché non arrivino su barconi pericolanti da lidi non troppo lontani.

È sempre da condannare, eccome, la violenza, anche quella verbale, anche quella dei toni, delle parole e delle vignette. Anche quella che dileggia la statura di un politico, il parrucchino di un altro, i tacchetti di un altro ancora, l’accento pesantemente vernacolare di un’altra. Figuriamoci se non si deve essere d’accordo su questo principio irrinunciabile, che ha sempre segnato la “diversità” della sinistra, quella di una volta, tradizionalmente vocata a nutrire dialogo e comunicazione, anche a fini pedagogici, a  rivendicare il primato di  ragione e tolleranza contro bestialità e sopraffazione. Figuriamoci se non dobbiamo sempre confermare nei fatti che l’antifascismo è fatto anche di rigetto della brutalità ottusa e aggressiva, spesso sintomo di impotente frustrazione, inadeguatezza ignorante, segnale di complessi di inferiorità che suscitano reazioni rabbiose e veementi e prove di forza bruta ai danni dei più deboli. Figuriamoci poi se questa violenza prende di mira una donna, sia pure in vista, sia pure colpevole di aver approfittato di una particolare condizione, per accattivarsi consensi, per suscitare  sentimenti di simpatia sodale perfino presso il pubblico buonista, anche essendo una proverbiale  “cattivista”.

Figuriamoci ..  si, si, però. Però a me tutto questo bon ton, tutta questa mostra di buona educazione dimostrativa di democrazia profusa a tutela di leggendari  educatori e pedagoghi  a suon di repulisti, olio di ricino, botte, anche tramite forze dell’ordine molto schierate e fiancheggiatrici perfino sugli stessi palchi in piazza,  ma soprattutto tramite leggi razziali o ad personam,  proclami golpisti, lettura revisionista del passato – che si sa Mussolini non è da condannare, ma semmai  da storicizzare,ipse dixit –  proprio  non mi va giù.

Perché con tutta franchezza invettive sul web, prese per i fondelli, anche velenose, battute sia pure infelici,   mi sembrano manifestazioni di violenza  certamente deplorevoli, ma veniali rispetto a quella che viene ogni giorno perpetrata, concreta e ferina da quel ceto del quale la signora in questione fa parte con una certa dose di responsabilità. E che si accanisce in particolare contro soggetti più deboli, contro le donne e la maternità consapevole, resa ardua come un capriccio non soddisfabile dalla cancellazione di lavoro, assistenza, stato sociale, asili, scuole pubbliche, contro chiunque venga presentato come altro dalla “maggioranza”: straniero, malato, omosessuale, matto, ribelle, contro chiunque esprima critica, contro chi esige rispetto della dignità e  dei diritti, a cominciare da quelli della democrazia e della Costituzione nata dalla resistenza all’antifascismo, contro chi pensa che mai come ora il pacifismo non sia un esercizio da disfattisti codardi, ma  l’unica arma vera per fare guerra alla guerra e ai suoi signori, quelli che costringono intere popolazioni alla fuga verso posti dove nessuno li vuole.

Si, lo ammetto,  a disturbarmi più che l’inurbanità, la volgarità sboccata di certe invettive, è l’inopportunità incauta che finisce per costringerci a prendere le difese ufficiale di certi arnesi solitamente indifendibili. Inopportunità inutile oltre che dannosa, con buona pace di Wladimir Luxuria che ha augurato alla Meloni un figlio trans capace di scuotere la sua coscienza e di ispirarle sentimenti più solidali e tolleranti. Istanza vana, quelli sono irriducibili come gli ultrà, impermeabili a sensi di coesione umana e sociale, inviolabili, malgrado il nome,  dai valori della fratellanza  e dell’uguaglianza, che si esprime nella accettazione del pensiero e delle inclinazioni degli altri, così nessuna lezione li persuade né quella dell’esperienza personale, né tantomeno quella della storia. Che purtroppo ha insegnato poco anche a noi, se ce li teniamo,  a cominciare da chi preferisce i fiori alle opere di bene.

 

 

 


Spot e moschetto, renziano perfetto

timAnna Lombroso per il Simplicissimus

Sono passati alcuni mesi che hanno aiutato a far cadere un pudico silenzio sulle voragini nel bilancio dell’Expo. Altrettanto pudibonda è la rimozione delle piccole e innocenti leggerezze del Commissario-candidato. Nessun giornale poi si occupa più delle noiosissime destinazioni odierne e future dei terreni occupati e delle infrastrutture, per lo più di cartapesta come si addice a un modestissimo Luna Park di paese, del grande Ballo Excelsior. E un oblio misericordioso si è steso come un coltre complice sulla cosiddetta Carta di Milano, lo strumento ideologico più elevato della propaganda  renziana e dunque ancora più infame delle rivendicazioni del contributo dato dal Grande Evento all’occupazione giovanile, ancora più ridicolo della riconquista di autorevolezza dell’Italia nel contesto internazionale grazie alla fiera delle vanità gastronomiche, ancora più menzognera di aver costretto fame e sete, umiliazione e povertà, sfruttamento e speculazione dentro gli stand intitolati a stati e aziende, a pari merito, di una esposizione di cibo, di una ostentazione di opulenza, di una mostra di lusso effimero, di un culto pagano della dissipazione e dello spreco, sicché   “Nutrire il pianeta. Energia per la vita” ha segnato la data di scadenza di prodotti considerati arcaici: equità, ambiente, ecologia, sostenibilità, coesione sociale, solidarietà.

Si, perché quel documento consegnato nella mani di Ban Ki Moon è la scatola etica e retorica nella quale sono stati infilati tutti gli scandalosi capisaldi sui quali si reggono ideologia e azione di governo: lavoro retrocesso a precarietà – in questo caso, “involontario” volontariato, istruzione e cultura degradati a attrezzature elementari per promuovere competitività ostile tra gregari, tutela e salvaguardia ambientale  sminuite a stereotipi buoni per una narrazione  declamatoria, ma osteggiate come limiti alla crescita, garanzie sospese in modo che non ostacolino il dispiegarsi della libera iniziativa, proprio come le leggi e le regole, comprese quelle  sugli appalti, in modo che costruttori, immobiliaristi, ma anche cioccolatai e norcini possano godere di trattamenti speciali. Mercato, globalizzazione, concorrenza, valorizzazione, consumi, in loro nome è stata officiata la liturgia, grazie a Pirelli e Coldiretti che “illuminavano” il rutilante Albero della Vita, a Nestlè, Kinder, Beretta, Coca Cola, Mc Donald’s, tra bancarelle e chioschi, erogatori di gelati e panini, schermi da consultare e dove guardarsi e proiettarsi nelle vesti di festosi pellegrini del giubileo pantofago, dove la buona educazione vietava di citare parole inappropriate, anzi davvero maleducate che avrebbero rovinato la festa: fame, beni comuni, land grabbing, acqua, deforestazione, cambiamento climatico, immigrazioni forzate, guerra.

Altro che persuasori occulti, altro che messaggi subliminali. Opinionisti, proprio come i pubblicitari, giornalisti “indipendenti”,  proprio come i comunicatori istituzionali, scopertamente e senza scrupoli ci  raccontano di imperativi morali che sarebbero all’origine delle “riforme” e dei provvedimenti del regime.  Sono i primi a non crederci, ma, come è ovvio, non hanno bisogno di essere convincenti  né con se stessi né con noi, tanto è stato ridotto l’immaginario dei cittadini alle ragioni del bisogno, tanto è stata ridotta la partecipazione a procedure notarili di conferma. Tanto è radicata l’accondiscendenza alla rinuncia della critica, della consapevolezza, dell’autodeterminazione e  della responsabilità e tanto è forte e legittimato l’istinto alla delega, all’ipocrita consegna ad autorità, siano tecniche, come nel caso di decisori, morali, come nel caso di quel sacerdozio improbabile di difensori di valori comuni e di un’etica di parte basati su destini naturali e immutabili o di imperativi confessionali.

In questi giorni Tim ci rassicura sulla bontà dell’astensione,  sulla pacifica e tranquilla permanenza nei lidi remoti dell’indifferenza, quella moderna, dinamica, che si esercita stando al mondo  coi tasti dell’i phone, colloquiando tramite sms, lasciando un’impronta grazie al selfie, presto – c’è da sospettare – votando virtualmente come per le canzonette di Sanremo. È il testimonial Pif, scelto “per la sua insaziabile curiosità” e per l’autorevolezza maturata spaziando “dalle lande sperdute di Groenlandia e Messico ai piaceri mondani di Las Vegas e Miami, dal patinato mondo della moda al ruvido Calcio Storico Fiorentino, passando per storie di mafia e antimafia e molte altre all’insegna dell’emotività”  a raccomandarci di approfittare delle formidabili offerte di Tim, perché l’azienda è così “fissata con il futuro” che ci propone e mette a disposizione  di tutto, canali televisivi e mondi virtuali, con tale dovizia e generosità che, cito, ci  sta  “dando la libertà di non dover scegliere”.

Grazie Tim, viene da dire, che in uno spot hai riassunto cosa ci aspetta: democrazia finta, referendum promosso per sancire la permanenza plebiscitaria di un premier:  o lui o lui; accettazione supina di decisioni calate dall’alto, menzogne da prendere come oro colato: no agli immigrati ma si alla Nato che ce li porta qui a suon di bombe; carità al posto della solidarietà e rivendicazione della pietas al posto di decisioni democratiche a tutela della giustizia, dello stato di diritto e della sovranità nazionale;  repressione del malcostume dei fannulloni della PA, ma impunità per quelli eletti, anche quelli “diversamente” dipendenti pubblici, ma assolti come assolti sono gli evasori, intoccabili, i detentori di rendite inviolabili, i boiardi corruttori, legittimati in nome della “crescita” e della loro missione di tutela delle ragioni della libera concorrenza, ministri in odor di conflitto di interesse, banchieri e dirigenti finanziari dediti a speculazioni, truffe e trucchi, “borghesi” desiderosi di elmi e pennacchi che vogliono estendere in tutte le geografie la guerra che muovono qui a democrazia, lavoro, diritti, agli ordini del solito Imperatore.

La verità è che la propaganda del cosiddetto ordoliberismo è così rozza, perché permettiamo ai suoi “operatori” di essere grossolani, incompetenti, improvvisati, ignoranti quanto i loro datori di lavoro, persuasi che ci beviamo qualsiasi messaggio, qualsiasi slogan, qualsiasi promessa, qualsiasi illusione, purché ci garantisca di salvarci in questa nicchia di mediocrità, preferendo il brutto noto a un “meglio” sconosciuto che ci costringerebbe ad agire, a esercitare critica, a assumerci responsabilità, quelle bellissime dell’indipendenza e della libertà e facendo un’unica scelta, quella di non scegliere che tanto ci pensa Tim.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 8.558 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: