Archivi tag: Monti

Burattino era, burattino rimane

mpipinocchio_s2Lo scontro fra il pinocchio di Rignano e l’alcolista di  Bruxelles, Juncker contiene un rischio: quello di creare una nuova narrazione sul passaggio del guappo da burattino a essere in carne ed ossa, ancorché rozzo e impari al compito. Ma si tratta di un illusione perché in ogni caso il narciso della Leopolda è attaccato ai fili, muovendo manine e piedini a comando, non essendo in grado avere alcun pensiero che non riguardi la sua poltrona: il vero problema è che i burattinai sono due o forse anche tre e non vanno più così d’accordo. Dato per scontato che il massoncino toscano sarebbe ancora a cenare a sbafo sui lungarni se l’oligarchia europea non gli avesse messo gli occhi addosso alla ricerca di un tronista politico di riserva visto lo scarso successo dell’amico Monti, qualcosa si è incrinato proprio con le classi dirigenti italiane alle prese con i nodi bancari, finanziari, politici che vengono al pettine.

Alla fine del post troverete una corposa nota che spiega punto per punto la genesi di Renzi, ma il fatto è che il premier scalcia e si dibatte fra poteri europei che non vogliono e non possono concedere deroghe eccessive per evitare un effetto domino e le oligarchie nazionali per le quali il progetto autoritario e neo liberista di Bruxelles è vitale, ma che non intendono assolutamente vedersi restringere il loro spazio di manovra, di prebenda, di opacità a tutto campo nell’ambito del sistema affaristico politico.  Il guappo di Rignano non può sopravvivere  a lungo senza il sostegno di entrambi i blocchi di potere e soprattutto senza un massiccio aiuto mediatico che oggi è in grande affanno nel giustificare il fatto che anche i correntisti debbano contribuire in solido a salvare le banche gonfie di debiti: finché la cosa accadeva a Cipro, pazienza, era qualcosa di lontano e immateriale che non pareva potesse davvero colpire i nostri nobili lombi. La vicenda di Banca Etruria e compagnia ha colpito nel profondo l’immaginario italiano, nonostante la bolla di impunità immediatamente costruita attorno alla famiglia Boschi e ai controllori che non hanno controllato nulla:  per la prima volta ha reso debole e sotto ricatto anche un ceto medio che in cuor suo pensava di essere un rentier dello spostamento a destra dell’asse politico.

Può anche darsi che lo scontro messo in piedi da Renzi non sia che un una commedia delle parti per distrarre l’opinione pubblica e acquisire l’aspetto di ombudsman paesano, le guance rosse di un bambino vero invece della retorica variegata e legnosa del burattino. Un compito arduo e per il quale la vicenda di Quarto si è rivelata futile e di breve durata.  Sono abbastanza certo che sia così, ma questo non vuol dire che non sia in atto un vero scontro tra Europa e Italia sulla nostra sovranità residua che ahimè non risulta più ancorata ai principi costituzionali e alla funzione sociale dello Stato, ma legata al sottobosco dei rapporti di potere e agli scambi non trasparenti fra privato e pubblico. Pinocchio è tirato da una parte e dall’altra e l’incoerenza dei suoi movimenti creano l’apparenza di una qualche autonomia che è solo l’angosciosa ricerca di una via d’uscita. Cerca anche scompostamente di strizzare l’occhio a Washington per farsi ennesimo latore di un ricatto contro il North Stream e dunque la politica di appeasement che la Germania cerca con la Russia. Mette in campo persino una ipocrita severità contro gli impiegati pubblici e i loro cartellini volanti ben sapendo che una legge severa già esiste, solo che non è stata mai applicata per ordine superiore. E che sara lo stesso anche per le nuove gride draconiane.

Se come nel romanzo di Collodi acquista qualcosa di umano, non è certo il tratto dello statista, ma del topo di politica che cerca tutti i possibili pertugi tra i muri dei poteri per sopravvivere. Paradossalmente e suo malgrado diventa testimone dello sfilacciamento inesorabile di questa Europa, dopo esserne stato il garante – governatore preso dalla strada. Ben altri eventi incombono, come la secessione ad est dei Paesi ex comunisti del Baltico oramai direttamente governati dalla Casa Bianca, aggiungendo altri e più disarticolati  burattini, la contestazione della Merkel dopo i fatti di Colonia che dall’analisi del traffico web troverebbe stimolo dalla costa orientale degli Usa (vedi qui), i sempre più angosciosi e autorevoli allarmi sull’esplosione del sistema finanziario, i venti di guerra che mettono i brividi e che appare sempre più come un’opzione per rimediare ai danni del liberismo. Noi non possiamo che permetterci pinocchi e lucignoli, arlecchini e burattini che alzano la voce senza aver nulla da dire e ai quali ora si rivolgono persino quei contestatori apparenti di destra che alla fine risultano costruiti con la stessa pasta, anzi con lo stesso legno.

 

Nota. Dopo la caduta di Berlusconi a colpi di spread, l’insediamento di Monti non ottenne il successo sperato e così la classe dirigente inquieta e timorosa per le sue rendite di posizione, si mette alla ricerca di un sostituto del Cavaliere, qualcuno difficile da pescare nel mondo di nani e ballerine del Pdl. C’è invece un giovane ambizioso, cattolico, conservatore dentro e nuovista fuori, legato al mondo di Silvio per via dell’azienda di famiglia, che contesta da destra gli apparati del Pd. E’ un personaggino, ma è adatto alla politica fattasi media, è l’uomo giusto per l’Italia mediocre e fatua creata da vent’anni di berlusconismo. Così a fine maggio del 2012 in occasione di un convegno appositamente organizzato dalla J.P. Morgan a Firenze, calano su Palazzo Vecchio Tony Blair e la ministra tedesca del lavoro, braccio destro della Merkel , Ursula von der Leyen, i quali mettono in piedi una pantomima di pranzi e dichiarazioni che lanciano Renzi come principale personaggio delle primarie del Pd e antagonista a sorpresa di Bersani.  Dopo un tete a tete a pranzo (probabilmente pagato da noi) fra Renzi e Blair all’hotel  St. Regis di piazza Ognissanti, l’ex svenditore inglese del Labour dice che si è parlato di primarie e di aver chiesto delucidazioni in merito alla partecipazione del sindaco. In pratica un endorsement che costringe il partito a cambiare le regole per inserire Renzi nella rosa dei candidati.

Un mese dopo questi fatti, cioè a fine giugno arriva una nuova stazione della via crucis. L’Espresso pubblica un documento riservato di 8 cartelle, titolato “La rosa tricolore” che è all’esame di Berlusconi e dei notabili del Pdl e che ha come sottotitolo “Un Progetto per Vincere le elezioni politiche 2013”. A confezionarlo con la supervisione di Verdini e di Dell’Utri è Diego Volpe Pasini, romano, imprenditore in Friuli, assessore comunale di Udine, collaboratore stretto di Vittorio Sgarbi, già noto alle cronache politiche per aver creato nel 2001 il “Partito liberal popolare in Europa con Haider”, inneggiante al defunto politico austriaco di simpatie neonazi, e alla cronaca nera per essere stato arrestato (nel 2008) per violazione degli obblighi dell’assistenza familiare nei riguardi della ex moglie. E qui basta leggere:

“Un piano in tre mosse. Primo, azzerare l’attuale Pdl, considerato in blocco «non riformabile» insieme a tutti i suoi dirigenti (con una singolare eccezione: Denis Verdini). 
Secondo, costruire un network di liste di genere (donne, giovani, imprenditori) tutte precedute dal logo “Forza”. 
E, infine, l’idea più clamorosa: candidare un premier a sorpresa, pescato come nel calcio mercato dalla squadra avversaria: non Luca Cordero di Montezemolo né Corrado Passera né tantomeno il povero Angelino Alfano. Ma il giovane sindaco di Firenze Matteo Renzi, oggi candidato in pectore alle primarie del Pd”. 

Il presupposto del piano è lo sfascio del Pdl  che «appare non riformabile mentre i suoi dirigenti hanno un tale attaccamento al proprio posto di privilegio da considerare come fondamentale la sopravvivenza solo di se stessi. Miracolati irriconoscenti appiccicati sulle spalle di Berlusconi». Per questo, oltre ad una serie di contromisure di vario genere si passa all’idea  che come abbiamo visto piace anche in Europa, anche se certo non è scritta nei bollettini di Strasburgo, cambiare cavallo, ma solo in apparenza:

«E allora la sola cosa da fare, «folle, geniale», è schierare il campione del campo avverso: «Il solo giovane uomo che ci fa vincere: Matteo Renzi». Il sindaco di Firenze? Ma non è del Pd? Certo. Ma chi ha scritto il documento ricorda con lucidità che il rottamatore è inviso ai dirigenti del partito e alla Cgil, mentre è apprezzato dagli elettori del centrodestra. E gode della stima di  Berlusconi. 

Quando il disvelamento del piano Rosa Tricolore appare sull’Espresso Renzi si scaglia immediatamente contro il settimanale e su Facebook dichiara “E allora voglio svelare il mistero: il piano esiste. L’hanno firmato non solo Verdini e Dell’Utri, ma anche Luciano Moggi, Licio Gelli, jack lo Squartatore e Capitan Uncino.” Disgraziatamente Vittorio Sgarbi, amico molto stretto di Volpe Pasini, estensore del piano, intervistato a caldo in merito alla vicenda si lascia scappare il fatto che il sindaco di Firenze era a conoscenza del piano: “Diciamo che gli ho accennato l’idea un mese e mezzo fa in occasione del programma condotto dalla Gruber. Gli ho detto che piaceva tanto a Verdini e ai vertici del Pdl”.  La vittoria di Bersani alle primarie, nonostante i tre milioni di euro per Renzi spuntati fuori da luoghi in gran parte inesplorati, ha costituisce solo una battuta d’arresto che ha tuttavia ha avuto i suoi nefandi effetti costringendo la dirigenza piddina a continui atti di ossequio e ubbidienza all’Europa del fiscal compact, così come ai finanzieri di Wall Street.


La Nutella sospetta di Palazzo Chigi

Agnese Renzi

Agnese Renzi

Anna Lombroso per il Simplicissimus

A Roma? Beh a Roma sarebbe semplicemente un “sòla”, un di quelli che si sentono così furbi, da tentare il raggiro che ti cambia la vita, vendere Fontana di Trevi o il Colosseo ai giapponesi  o ai texani. A Palazzo Chigi invece, anche senza averlo letto, si sente uno di quei personaggi di Boccaccio,  capace di mettere in tavola una gru con una zampa sola, perché l’altra l’ha offerta a una forosetta maliziosa.  E infatti ci prova sempre il nostro Chichibio  a regalarci una fetta di pane con sopra spalmata la cacca,  dicendo che è goduriosa Nutella e aspettandosi  che ce la mangiamo, gabbati e contenti, per fame o per gola.

L’ha fatto anche oggi. Siccole ogni giorno ha la sua “crescita”, oggi  la scelta del settore trainante per l’uscita dal tunnel e la ripresa è caduta  sull’agricoltura in occasione dell’affidamento, più o meno in regime di monopolio, a Intesa San Paolo  della partita dei crediti all’agricoltura, grazie a un patto stipulato tra governo e banca, un “impegno ambizioso”, ha detto il premier, “che mira a portare l’export dell’agroalimentare dagli attuali   36 miliardi,  a 50”.    Ma possibile: “in Italia l’agricoltura e l’agroalimentare non sono il passato del paese ma la pagina più bella che scriveremo. In questi anni abbiamo perduto la sfida della filiera del valore del prezzo, perché non è stato fatto abbastanza. Dobbiamo far tornare di moda tutto ciò che è agricoltura ed agroalimentare”.

“Far tornare di moda”, è una parola. Ma come? Con una grande campagna di risanamento della Terra dei Fuochi? Rinegoziando in Europa gli innumerevoli capestri e forbici e i dispositivi di negoziazione barocchi della Pac, punitivi per le nostre produzioni? Per non dire dei tagli ai “pagamenti diretti” che andranno a favorire i nuovi partner, penalizzando noi, che pure contribuiamo in misura maggiore al bilancio comunitario

? Limitando l’uso di pesticidi e concimi chimici e incrementando i controlli sull’inquinamento che ha impoverito la qualità dei nostri prodotti? Favorendo  con investimenti e aiuti l’occupazione giovanile nel settore (ad oggi  i dati mostrano che la grossa fetta delle nuove attività inerenti l’agricoltura e la silvicoltura vengono avviate da chi ha più di 35 anni, in moltissimi casi anche oltre i 50 anni. E sulle 45.993 nuove partite Iva del 2014 in questo settore, solo una su cinque è stata aperta da un under 35)? Con l’imposizione di un sistema di regole che dia trasparenza e funzionalità al rapporto tra produttori, allevatori e industrie? Rivedendo un regime fiscale penalizzante? Avviando un new deal che veda lo Stato general contractor di grandi opere di riassetto, bonifica e recupero del territorio, depauperato, dequalificato, avvelenato da speculazione, urbanizzazione, degrado?

Macché, l’annuncio è stato dato, la magia ha avuto successo, la svolta epocale comincia oggi:  il Ministero delle Politiche Agricole cambia nome. Si chiamerà Ministero delle Politiche Agroalimentari.

Ecco servita la nostra fetta di pane con la sua Nutella, quella combinazione di menzogne, prese per i fondelli, patacche e illusionismi che dovremmo vergognarci di subire. Che ci fanno rimpiangere ere trascorse quando ci pareva di non stare bene, non sapendo cosa ci avrebbe riservato il peggio odierno. Che ci fanno rimpiangere la Legge Galasso e perfino un ministro del Governo Monti, tal Catania, l’unico dopo anni a impegnarsi per dare forma a una legge quadro per la tutela del suolo agricolo. E che farà passare senza opposizione il progetto di legge governativo che insieme a un malinteso rispetto del pluralismo istituzionale crea un sistema decisionale talmente farraginoso e complesso da rendere inapplicabile qualsiasi misura e norma. Salvo quelle che interessano davvero a un governo completamente asservito a padronato, proprietà, rendita. Due veri e propri capisaldi irrinunciabili, in contrasto con l’obiettivo del contenimento dell’uso del suolo e che costituiscono vere e proprie invasioni nel campo della legislazione urbanistica: i compendi agricoli neorurali e la rigenerazione delle aree urbane degradate.

I primi sono la solita acrobazia pensata  per legittimare la trasformazione dell’edilizia rurale in altre attività (amministrative, servizi ludico-ricreativi, turistico-ricettivi, medici, eccetera). Così una legge che dovrebbe trarre origine  dall’intento di promuovere e tutelare l’agricoltura, il paesaggio e l’ambiente  legalizza quindi la distruzione dell’attività agricola e dei relativi manufatti.  La cosiddetta “rigenerazione” è peggio ancora, sulla stessa linea delle “valorizzazioni”, quei processi secondo i quali per ottimizzare le foreste tropicali o pluviale, non c’è di meglio che tagliarle per farne parquet. Ipotizza una delega al governo a emanare   decreti legislativi per l’agognata semplificazione delle procedure, una cambiale in bianco,   priva di principi e criteri direttivi, senza nessun rapporto e nessuna integrazione con l’ordinaria disciplina urbanistica, quindi una licenza per la speculazione, per le deroghe, per una inquietante commistione delle finalità di tutela con istanze di profitto immobiliare, con quel  land grabbing, l’accaparramento di suoli fertili, che è uno dei brand vincenti delle multinazionali.

 

È che anche in questo caso servirebbe una riforma, una riforma agraria. Mentre, a cominciare dall’abuso del termine riforma, applicato impropriamente alla cancellazione del lavoro, alla manomissione della Costituzione, all’esproprio di partecipazione, all’eclissi di democrazia, Chichibio sa giocare solo con le parole, cambia i nomi, stravolge la semantica, tanto che chiama politica il suo meschino industriarsi da giocoliere di piazza, governo il suo carro di guitti, occupazione le nuove e sempre più precarie servitù. Ma se lo sopportiamo non abbiamo più il diritto di chiamarci cittadini.

 

 

 

 


Nell’Abi … sso dell’ipocrisia

Gabriel Garcia

Gabriel Garcia

Anna Lombroso per il Simplicissimus

C’è un film del quale imporrei la visione, come  un cinepanettone pedagogico, alla compagine governativa, a Confindustria, all’Abi che sfrontatamente invia il 31 dicembre una lettera aperta agli italiani, quell’Abi che ha visto consumarsi, a sua insaputa?  le nefandezze della Banca popolare di Vicenza, di Banca Etruria, di Banca Marche e che ciononostante scrive senza vergogna che “dopo sette anni di dura crisi, l’Italia incomincia a rivedere la luce. La ripresa va alimentata. Lo stanno facendo anche le banche italiane, di ogni dimensione e forma giuridica, sane, solide e affidabili che garantiscono risparmiatori e investitori responsabili”, si, proprio così, a dire che la responsabilità è un dovere che spetta alla clientela mentre è un optional largamente trascurato da dirigenza, management e organi di controllo. E che continua, con proterva sfacciataggine e punteggiando il testo di maiuscole, ricordando come anche i ricchi piangano: “ le Banche sono imprese che, nella generalità dei casi, PAGANO le crisi e il mancato rimborso dei prestiti e continuano a fare credito a imprese e famiglie. Il riassetto di 4 banche, da tempo in difficoltà, ha creato dolorose ripercussioni anche su una parte minoritaria degli investitori, mentre lo stesso mondo bancario, DA SOLO, con senso di responsabilità ha sostenuto, con un esborso di oltre 2 miliardi di euro, la rinascita delle 4 banche, il risparmio dei depositanti e migliaia di posti di lavoro”.

Si li vorrei vedere Renzi, Madia, Boschi, Guidi, Poletti, e poi Padoan, Visco, Patuelli e perché no? Anche quelli prima di loro, a caso, Tremonti, Mussari, Monti, Fornero e chi più ne ha più ne metta, polsi e caviglie costretti nei fori umilianti di una gogna, obbligati ad assistere alla proiezione di un film povero, modesto, autoprodotto da regista e attore protagonista, che si chiama in Francia, dove è stato realizzato, La Loi du marchée,  La legge del mercato, e nel circuito internazionale, dove c’è da immaginare abbia circolato con scarso successo, A simple man, un uomo semplice.

Ma forse sarebbe stato meglio chiamarlo un uomo qualunque, perché è la storia di uno di noi, di come possiamo diventare da un giorno all’altro, di quello che magari ci è già successo o che può accadere ai nostri amici, ai nostri figli, al vicino di pianerottolo che non vediamo più in ascensore, perché ha venduto la casa, o gli è stata sequestrata da uno di quei solerti istituti di credito, o semplicemente perché cammina rasentando i muri per la vergogna della povertà.

Infatti La legge del mercato racconta di uno di noi, uno che ha perso il lavoro  dopo 25 anni perché la sua fabbrica ha “delocalizzato”, con un figlio affetto da un grave handicap, ma che ciononostante nutre un arduo e ambizioso progetto di vita, e che affronta quotidianamente un percorso impervio e mortificante per restare a galla, per non essere relegato nella marginalità: giornaliera tappa al collocamento,  corsi di formazione, curricula a pioggia, cui qualche figlio di cane risponde via Skype per non avere il fastidio di incontrarlo di persona e infarcendo il colloquio di supponenti istruzioni perché di renda gradito a eventuali datori di lavoro. Che poi sono i suggerimenti che riceve da schifiltosi utenti di un master delle risorse umane, di un ossimoro quindi, che criticano il suo atteggiamento poco rassicurante e quindi sfavorevole alla soddisfazione delle esigenze delle imprese e del mercato.

Come una cavia nella gabbietta, costretta ad arrampicarsi giorno e  notte sulle scalette o a dondolarsi sulle corde per avvicinarsi alla scodellina del mangime, sopporta instancabile i melliflui consigli della bancaria che lo sollecita a svendere la casa, a “investire” in un’assicurazione sulla vita: “non si sa mai”, e la trattativa aggressiva e arrogante con i compratori del suo chalet prefabbricato senza vista mare, che hanno capito le sue difficoltà.

Resiste, in una vita senza quiete e senza sorriso, alle minacce che arrivano da ogni parte: l’auto che si ferma in mezzo alla strada, le rate da pagare, l’erosione inarrestabile dei magri risparmi, le tentazioni dei vecchi colleghi che si cullano nell’illusione di una causa contro i proprietari della fabbrica, il preside della Buona Scuola del figlio che recita la litania della competitività, dell’ambizione, dello spirito di iniziativa necessari a vincere le sfide, appunto, del mercato del lavoro.

Resiste a tutto, ma non all’orribile dilemma morale che gli si impone quando va a fare il vigilante in un supermercato dove vecchietti “incapienti”  si mettono in tasca le confezioni della carne e i dipendenti approfittano dei punti della tessera fedeltà della clientela, per bisogno, per fame, per miseria nuova e inattesa, per la perdita di tutto, dai beni alla dignità, fino al suicidio di una cassiera “infedele” sorpresa in flagranza di “reato”.

Si mi piacerebbe obbligarli alla visione di questa operetta sulla vita grama della gente normale che non è appagata dell’appartenenza a una civiltà superiore, che è talmente demoralizzata da non distinguere più tra   etica, legalità, opportunità, principi sconvolti dal bisogno sì,  ma soprattutto dall’arbitrarietà cui li hanno assoggettati gli imperativi del profitto, dell’avidità, dello sfruttamento, quelli che hanno retrocesso i diritti alla condizione di elargizione, le garanzie a precarie concessioni. Ma è improbabile che ne sarebbero “toccati”: la loro distanza è tale che penserebbero a una produzione del filone fantasy, a una di quelle pallose pellicole dell’Est comunista, magari bulgare con sottotitoli in polacco, quelle della propaganda anticapitalistica. Sicuramente irriderebbero alla scelta di dignità del protagonista che lascia il “posto sicuro”, per non sottostare alle “leggi del mercato”, le uniche cui sono inclini ad ubbidire: si tratta di uno sfigato, certamente, uno che si merita gli stenti di una esistenza mediocre e avvilente. Proprio come ce la meritiamo noi, che non facciamo parte della loro élite, della scrematura maligna e avvelenata dall’ambizione, dall’avidità, dalla prepotenza e al tempo stesso dall’inclinazione all’ubbidienza, al conformismo, alla comoda disonestà di un popolo che ha dimenticato che c’è una possibilità di riscatto. Difficile, ardua, costosa, ma c’è e l’abbiamo a portata di mano, noi gente semplice.


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Segui assieme ad altri 8.603 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: