Archivi tag: Repubblica

Grazie rete

 Anna Lombroso per il Simplicissimus

Grazie rete. Ogni giorno scorrendo i titoli dei giornali online, cogliendo dichiarazioni ch escono da quell’elettrodomestico sempre più sottile, quindi sempre meno profondo, quando mi sento sola e estranea, straniera in patria e nel sentire comune, a differenza di anziani sapienti, non per questo saggi, che hanno dileggiato gli scompartimenti ferroviari, sbeffeggiato i bar sport, condannato la Tv, vituperato la stampa, salvo tenere sontuose rubriche sui giornali compreso un settimanale al prezzo di due che con le stesse gnocche in copertina ha condotto battaglie moralizzatrici malgrado due editori non proprio specchiati, salvo fare profittevole comparsate in salotti mediatici, salvo imporsi al vasto pubblico dei viaggiatori di lungo percorso con illeggibili romanzoni o operette morali, che quando la carne se frusta, l’anima se giusta, ecco ogni giorno mi viene da dire, grazie web. Dove mi esprimo, dialogo con altri incazzati, esercito un po’ di antropologia spiccia e pure un bel po’ di psicologia in merito a personalità scisse, a quell’indole a raccontarsi come si vorrebbe essere, che accomuna le pubblicatrici di micetti e poesie, i rapitori seriali dei social network all’inarrestabile e molto più dannoso produttore di storytelling al governo.

Oggi tanto per fare un esempio scopro che il narratore di Palazzo Chigi ha deciso di commissariare la gestione del Giubileo togliendola a Marino per affidarla a Gabrielli, designato oculatamente a metà strada tra i due round di Roma Capitale nella consapevolezza che serviva un prefetto di ferro. La notizia dai giornali viene data con la sobrietà che da qualche giorno ha preso il posto del fanatico entusiasmo, senza rilevare che evidentemente agli occhi del premier il grande evento confessionale di portata internazionale è più delicato da trattare della più straordinaria capitale mondiale e l’uno deve essere delegato a persona pratica e competente di eccezionalità, l’altra può restare nelle mani poco accorte di qualcuno che vantando come un matto di Collegno la sua origine marziana, ha rivelato, nel caso migliore, incompetenza, inadeguatezza, impreparazione, incapacità, unite a una formidabile e inossidabile spocchia, quella si all’altezza degli standard g9vernativi.

E sempre oggi il ministero dello Sviluppo Economico, rispondendo a una interrogazione dei 5 stelle ci fa sapere che è pur vero che il mondo delle coop è nella bufera per via delle inchieste di Mafia organizzazioni internazionali, sulla sua svendit progressiva e dissipata Capitale, ma che non è possibile adottare le necessarie misure  e attività di sorveglianza a controllo e a quel  “programma mirato di ispezioni straordinarie” annunciate ai deputati dal ministro Federica Guidi lo scorso 17 dicembre, per mancanza dei fondi necessari.

Intanto le “firme pazze” che avevano brillato per assenza sul tema della scuola, stanno rispolverando le antiche abitudini lanciando calorosi e fervidi appelli a sostegno del magistrato specchiato in lizza per il comune di Venezia, sulla cui onestà non sollevo i dubbi che invece mi pungono a proposito della sua ritrosia a pronunciare dei severi no ad improvvidi canali, alternativi a quello promosso dal suo avversario, ma tant’è sempre di scavi si tratta, alla Grandi Navi, alla mercificazione di luoghi storici e beni comuni ceduti a improbabili mecenati, all’egemonia del Consorzio in odor di eterno conflitto d’interesse con bene comune, ambiente, trasparenza. Ma si sa l’istinto è quello di schierarsi se non col vincitore, almeno con quello che ha più appeal, che vanta maggiore appartenenza ai circuiti di elite che non vogliono accorgersi di non contare più una cippa in una provincia remota dell’impero. E che a Venezia, alla sua rovina annunciata ma inascoltata, all’abbandono da parte di residenti e organizzazioni internazionali, alla sua svendita svergognata e dissipata, hanno  dedicato un’occhiata distratta durante l’arcaica cerimonia del Campiello o dalla Sala Grande di un Lido oggetto di una sordida speculazione.

Si, grazie, rete. Per carità non credo alla partecipazione sul web come succedaneo della democrazia, non credo che la cittadinanza digitale ci esima dalla responsabilità e dai diritti di luogo e appartenenza. E temo che l’Italicum possa prevedere una successiva aberrazione in voto elettronico in modo da sancire il significato unicamente notarile e di conferma del già deciso in alto e altrove che si vuole attribuire alle elezioni.

Ma movimenti di protesta, campagne di solidarietà, circolazione di denunce e informazioni, ci ricordano che Internet è il più grande spazio pubblico che l’umanità abbia conosciuto, che Facebook è la terza “nazione” al mondo dopo Cina e India con oltre 1 miliardi di abitanti, che l’imposizione di un sistema di controllo sociale da parte di un numero imprecisato di soggetti inquieta ma può essere una garanzia di trasparenza. E che l’invadenza dei poteri, continui richiami alla censura e alla sorveglianza, l’esuberanza di soggetti economici dimostrano che il web  è esposto a una serie di appetiti e aggressioni, proprio perché la conoscenza, la massa e lo scambio di comunicazioni sono un bene  comune straordinario, sociale, politico ed economico, che va tutelato come strumento insostituibile per rendere effettivo   un gran numero di diritti fondamentali, per contrastare la disuguaglianza  e l’esclusione.

Per questo tanta spocchia, come ha scritto il Simplicissimus qui https://ilsimplicissimus2.wordpress.com/2015/06/12/lecografia-di-internet è sospetta: sospetta di misoneismo, sospetta di snobismo, come lo sono sempre le lezioni di pedagogia impartite  col “culo al caldo”, che vengano da giovani stronzi assurti a posti di comando immeritati o da venerabili maestri altrettanto remoti ed estranei alla normalità.  E che non vorrebbero mai essere iscritti a un club così poco esclusivo da annoverare noi gente comune, preferendo i  loro “casin dei nobili” da dove hanno dato a tanti  l’illusione di poter entrare comprando ogni mattina un giornale-partito, uscendo dalla solitudine degli esclusi per far parte di una “opinione pubblica” selezionata, moderna, informata, e membri ad honorem di una “società civile” incorrotta e innocente a fronte di un ceto politico guasto e vizioso. Quei tanti che hanno creduto di partecipare alla rivoluzione culturale del Duemila comprando un pesante bestseller, affrancandosi da Bevilacqua e  Gervaso, da De Crescenzo e Biagi, con un Umberto Eco che ha segnato il riscatto da uno stato di inadeguatezza sociale, da un vergognoso provincialismo proprio come una giacca di Armani.

E allora, grazie rete, caotica, popolosa, inafferrabile, disordinata, volgare, esibizionista, sfacciata, miserabile e eroica, come certe megalopoli con i loro grattacieli di cristallo nelle quali si specchia  il brulicare dell’umanità.

 

 

 


Il potere della naftalina

La prima uscita da presidente, ne testimonia la sensibilità storica e la perspicacia: l’andare alle fosse ardeatine per poi comparare il nazismo con il cosiddetto terrorismo. Ci sarebbe da fare come Alfieri quando buttò dalla finestra il Galateo di Monsignor Della Casa perché cominciava con un orribile conciossiachè. Ma diamo il benvenuto al nuovo tutore dell’oligarchia, nato dall’astuta commedia del gatto e la volpe  che hanno finto il dissidio su un nome scelto assieme, atto a ricompattare i rispettivi onorevoli bravi: lo spettacolo di un parlamento di nominati in cui si controlla il voto segreto ordinando agli uni di votare Mattarella, agli altri Mattarella. S e ad altri ancora  Sergio Mattarella è impagabile come modesta contraffazione di democrazia.

Così l’apertura di mandato corrisponde al ruolo protocollare e travicellare per il quale è stato scelto il personaggio e liberato dalla naftalina in cui era stato riposto: mettere corone, apporre medaglie e non rompere le uova nel paniere a Renzi e Berlusconi. La scelta di un anziano notabile democristiano, erede di tutta una tradizione da sottobosco, va certamente nel senso della restaurazione che sia il premier sia il condannato vogliono e indica la sostanza truffaldina del cambiamento e del rinnovamento invocato. Sul suo nome si è persino arenato il syrizismo a ore della cosiddetta sinistra radicale e dell’opposizioni interna del Pd: Lassie torna a casa quando sa che c’è l’osso che lo attende e lo si può prendere senza fare brutte figure come sarebbe accaduto nel caso di Amato o di altri nomi conosciuti.

In un certo senso il Mattarella, gestore silenzioso della guerra dei Balcani, tanto silenzioso da essere passato inosservato,  il Mattarella paziente ricamatore della prima legge elettorale maggioritaria che ci regalerà il ventennio Berlusconiano, il Mattarella beccato con tre milioni in buoni benzina gentilmente donati dall’imprenditore Salamone ( che dichiarò di averne in realtà somministrati 50 sottobanco), sono l’ideale ritratto di un mandarino della Repubblica destinato a traghettare senza scosse il Paese dalla democrazia all’oligarchia e a garantire privilegi e rendite della classe dirigente nel passaggio dal capitalismo produttivo a quello finanziario e dunque anche a impegnarsi in una ferrea ubbidienza alle troike e alla Nato.

Dopo Napolitano che si elesse re per evitare che questa traversata del mar rosso fosse messa a rischio dalle turbolenze di fonte all’impoverimento generale, allo smantellamento del welfare e dei diritti, ora Mattarella potrà tornare ad una gestione più tranquilla e passiva: deve solo coprire ciò che è già stato fatto e fornire ai troppi italiani che non chiedono altro, un alibi più o meno credibile per sentirsi appagati dalle chiacchiere. Valga per tutti il presunto anti berlusconismo di stampo demitiano attribuito al neo presidente: roba di vent’anni fa, dell’agonia democristiana, qualcosa di talmente anacronistico ( e infatti spazzato via dal voto comune) che serve soltanto a simulare presso l’elettorato di destra una presunta “differenza” tra Renzi e il vecchio leader sottoposto a continua tassidermia dai chirurghi plastici.

Del resto in un Paese affetto da scoliosi, dove le schiene dritte sono un comune miraggio, basta dire meglio lui che qualcun altro, basta dire che dopo tutto bisogna crederci. Francamente comincio ad essere stufo e contemporaneamente sadicamente contento di tanta pochezza e impaurita passività, di tanta assenza di un minimo spirito critico, di tanta voglia di essere raggirati: chi è causa del suo mal, pianga se stesso.


E sui ricchi piovono soldi

Anna Lombroso per il Simplicissimus

Cinici e bari si susseguono al governo. Uno favoleggiava di aerei di vacanzieri che sorvolavano i nostri cieli e di ristoranti pieni. Questo, il gradasso da esportazione,  ha scelto il Parlamento europeo per raccontare di famiglie italiane che si arricchiscono.

Beh, stavolta non aveva del tutto torto: ci fa sapere un “approfondimento” di Repubblica che la crisi ha fatto “raddoppiare il patrimonio alle dieci famiglie più ricche di 20 milioni di italiani”, come in maniera ambigua dice la Banca d’Italia per attutire l’impatto della straordinaria accumulazione dei super ricchi.

“Dal 2008 l’Italia ha subito un colossale abbattimento di ricchezza che si è scaricato con forza verso la parte bassa della scala sociale, mentre al vertice tutto si svolgeva in modo opposto. Lassù il ritmo dell’accumulazione di patrimoni personali accelerava come forse mai negli ultimi decenni”. Per le famiglie con i dieci maggiori patrimoni, le informazioni del quotidiano sono state  tratte dalla classifica annuale dei più ricchi stilata dalla rivista Forbes. La cui lista farebbe intendere che   sono usciti dalla hit parade i capitalisti italiani che basano i loro affari su concessioni pubbliche o investimenti immobiliari e finanziari. Mentre sarebbe in crescita accelerata invece il patrimonio di produttori industriali dediti all’export, dal settore alimentare (i Ferrero o i Perfetti), dalla moda e lusso (Del Vecchio di Luxottica, Giorgio Armani, Miuccia Prada e Patrizio Bertelli, Renzo Rosso), alla farmaceutica e all’industria ad alto contenuto tecnologico (Stefano Pessina o i Rocca di Techint). Insomma, secondo Repubblica, uscirebbero dalla cima della lista investitori finanziari-immobiliari come Caltagirone o chi in passato ha puntato troppo sulle banche.

Non c’è da essere proprio sicuri di questa interpretazione incoraggiante, che fa intravvedere l’esistenza di una imprenditoria dinamica,   che investe  sulle produzioni e sulla circolazione dei beni piuttosto che scommettere alla roulette del casinò finanziario. Proprio perché la velenosa potenza del suo gioco d’azzardo è immateriale, gira vorticosamente e sfugge a monitoraggi e rintracciabilità, si avvale di scatole cinesi, di soggetti paravento, si sottrae al fisco grazie a sempre più numerosi paradisi esotici e non.

Fosse così, invece, si stesse davvero ricostituendo, sia pure lentamente, una classe imprenditoriale che vuole rimettere in moto il meccanismo delle produzioni, che grazie al suo profitto, proprio come la manina disegnata da  Adam Smith, fa scendere sulle nostre teste in penitenza la impalpabile polverina di un benessere diffuso, fosse vero che esiste  qualche speranza sulle sue capacità  di produrre in futuro più innovazione, lavoro e reddito e meno rendite parassitarie, allora si potrebbe dar torto allo studio commissionato più di un anno fa “Gini-Growing inequality impact”, che mise in evidenza che l’Italia è tra i paesi europei che registrano le maggiori diseguaglianze nella distribuzione dei redditi, seconda solo al Regno Unito, e con livelli di disparità superiori alla media dei paesi Ocse. Allora si potrebbe smentire la religione neo liberista che si fonda sul credo  che la diseguaglianza non inficia in alcun modo la crescita, giustificando  la corsa folle e dissipata alle privatizzazioni, alla deregulation dei mercati finanziari,  per permettere alla libera iniziativa di dispiegare liberamente tutta la sua potenza ferina. Allora avrebbe ragione chi mette in guardia dalla tentazione di detassare redditi e soprattutto patrimoni immobiliari e mobiliari dei più ricchi, che  congelerebbe iniziativa, promuoverebbe delocalizzazioni, impoverirebbe con un effetto cascata tutta la società.

Come se tutto ciò non fosse già avvenuto, come se, è perfino banale ripeterlo, non avessimo ormai tutti conoscenza delle ricadute nefaste dell’austerità, come se non fosse evidente il danno prodotto dall’assoggettamento degli stati e dei governi all’imperialismo finanziario.

Come se i veri ricchi, meno identificabili di quelle famiglie immortalate da Forbes come dai settimanali di gossip, meno mondani dei tycoon stesi sul ponte dei panfili o ai bordi di smisurate piscine, non appartenessero, sia pure più appartati e anonimi, a quella cupola  planetaria, costituita da grandi patrimoni, da alti dirigenti del sistema finanziario, da politici che intrecciano patti opachi con i proprietari terrieri dei paesi emergenti, da magnati dell’informazione, insomma da  classe capitalistica transnazionale che domina il mondo e è cresciuta in paesi che si affacciano sullo scenario planetario, grazie all’entità numerica e al patrimonio controllato. E che rappresenta  decine di trilioni di dollari e di euro che per almeno l’80% sono costituiti dai nostri risparmi dei lavoratori,  che vengono gestiti a totale discrezione dai dirigenti dei vari fondi, dalle compagnie di assicurazioni o altri organismi affini. E che è servita da  quelli che qualcuno ha chiamato i capitalisti per procura, poteri forti per la facoltà che hanno di decidere le strategie di investimento, i piani di sviluppo, le linee di produzione anche di quel che resta dell’economia reale, secondo i comandi di una cerchia ristretta e rapace, banche, imprese, investitori e speculatori più o meno istituzionali e più o meno illeciti per via di fosche alleanze e di coincidenza di interessi e modalità, ma anche a causa di un comune disprezzo per regole e leggi, quei lacci e laccioli che, nel contesto democratico, dovrebbero ostacolare profitti illegali, accumulazioni tossiche, ricchezze letali.

Cinici e bari si susseguono con l’istinto a entrare a farne parte di quella cupola, a tutelarla perché finanzi e promuova aspirazioni e ambizioni, a giurarle eterna ubbidienza perché garantisca poltrone e privilegi.

Cinici e bari ogni giorno rivendicano una necessaria, per non dire doverosa,  neutralità morale che avrebbe lo scopo di assicurarci la felicità grazie alla  pacificazione dei soldi con l’etica, chiudendo un occhio realistico e pragmatico sui  vincoli sempre più stretti tra finanza  e criminalità, in una interazione visibile di modalità, sistemi, procedure, modelli organizzativi. E che nel nostro Paese assume fattezze particolari, se convive l’abitudine arcaica dell’intrallazzo con la ‘grande organizzazione manageriale’, che piace tanto agli arrivisti della Leopolda, tirati su col mito di Gekko, sia pure passato per Arcore.

Che gliene importa delle nostre famiglie, delle nostre vite, del nostro Paese?  se come ebbe a dire il guru dei paradisi fiscali, Adam Starchild: “Home  is where money is”. E se, purtroppo, erano i nostri.

 

 

 

 

 


Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 8.518 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: